Trani ricorda Gianni Rodari a 100 anni dalla sua nascita

Trani sul filo dedica una domenica straordinaria a Gianni Rodari a cento anni dalla sua nascita. Grande successo da sold out per gli spettacoli del festival del circo contemporaneo che sta facendo sognare Trani

Si parte al mattino da Palazzo Beltranidomenica 5 gennaio, per questa giornata che TRANI sul filo dedica integralmente all’altro maestro che avrebbe compiuto cento anni in questo 2020: Gianni Rodari. Siamo quasi sul filo del traguardo e la penultima giornata di questo festival circense ideato da Carlo Bruni, realizzato dall’Associazione delle Arti e dal Teatro Pubblico Pugliese, sostenuto dalla Città di Trani con la partecipazione della Regione Puglia, affida a Maria Elena Germinarioalle 11,30, il compito di aprire mettendo in narrazione alcune delle storie più belle tratte da Favole al telefonoLa Grammatica della Fantasia e Le avventure di Cipollino. Nel pomeriggio, il luogo dell’incontro diventa la Scuola Elementare Petronelli, in via Mons. Petronelli, 22 a Trani, allestita per ospitare sia le proposte di Miranfù e del suo BiblioApeCar, sostanzialmente ininterrotte dalle 16,45 alle 20,00, sia le due repliche de Il principe Mezzanotte, uno straordinario spettacolo dedicato ai più piccoli da Alessandro Serra (ore 17,00 e ore 19,00). E se Enzo Covelli, custode della preziosa libreria per ragazzi di Trani, si propone di raccogliere gli esiti del concorso lanciato con la mostra dedicata al maestro Rodari, lo spettacolo di Serra catapulta il novello pubblico nel mondo di questo particolare Principe, perdutamente innamorato del buio e delle stelle, il cui nome deriva dall’ora della sua nascita. Vittima di una maledizione che la strega Valeriana gli ha inflitto, destinato a trasformarsi in un essere mostruoso quando incontrerà il vero amore, per sottrarsi a questo maleficio, il Principe Mezzanotte decide di non innamorarsi mai e si rinchiude in un fumoso maniero abitato da una schiera di strani personaggi. Ad interpretarli sono Andrea Castellano, Marco Vergati e Silvia Valsesia, fra le ombre di Chiara Carlorosi. La sorpresa è proprio nella modalità fruitiva che mette tutti, attori e spettatori nella stessa storia.

Visto il successo dei giorni scorsi, a grande richiesta nello chapiteau di piazza Gradenigoalle ore 18,00 e alle 21,00 (ultima tappa della intensissima giornata), il doppio appuntamento con il MagdaClan. In scena: È un attimo. Scene e scatti fotografici da un matrimonio non proprio normale, animati da questo affiatatissimo collettivo di acrobati costituito da: Alessandro Maida, Elena Bosco, Daniele Sorisi, Giulio Lanfranco, Davide De Bardi, Giorgia Russo, Rosario Amato, Marina Mezzogiorno-Brown. Musiche composte ed eseguite dal vivo da Achille Zoni, Pierpaolo Pontarollo, Giovanni Falvo, a compendio di uno spettacolo travolgente che chi non ha ancora visto, non potrà proprio perdere!

Botteghino aperto a Palazzo Beltrani dalle 10,00 alle 18,00; biglietteria on line (www.tranisulfilo.it) e naturalmente biglietteria “volante” all’ingresso dello chapiteau. Sempre visibili sino al 6 gennaio, sono la mostra diffusa nelle vetrine del centro (via Mario Pagano), omaggio a Gianni Rodari, a cura di Enzo Covelli, e lo straordinario percorso espositivo dell’antologica, allestita a Palazzo Beltrani, dedicata a Tina Modotti. Info: 0883.500044. Il programma in dettaglio su www.tranisulfilo.it.

Il programma

PALAZZO BELTRANI

ore 11.00

speciale Rodari

Marluna Teatro

Il cuntastorie della fantazia

L’ORECCHIO ACERBO

un minestrone di favole

ingresso gratuito

SCUOLA MONS. PETRONELLI

ore 16.45

speciale Rodari

BiblioApeCar Miranfù

BIBLIOTECA RODARI

i suoi libri – la sua fantasia

ingresso gratuito

ore 17.00

Teatro Persona – Teatro Stabile di Sardegna

IL PRINCIPE MEZZANOTTE

Uno spettacolo di Alessandro Serra

ore 18.00

BiblioApeCar Miranfù

BIBLIOTECA RODARI

i suoi libri – la sua fantasia

ingresso gratuito

ore 19,00

Teatro Persona – Teatro Stabile di Sardegna

IL PRINCIPE MEZZANOTTE

replica

CHAPITEAU

ore 18,00 e ore 21.00

MagdaClan

È UN ATTIMO

scene da un matrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *